Guai a rimanere a casa.

Agosto. Il mese più atteso dell’anno. Calura da record, zanzare, turisti imbranati, bambini che schiamazzano in spiaggia e l’emigrato che torna in paese sforzandosi di parlare un sardo che non gli appartiene più. Guai a rimanere a casa che se no ti perdi l’estate e le stelle. Io aspetto settembre che tutti se ne vanno via.

Ma non vorrei crearmi troppe aspettative su settembre dato che allo stesso modo a maggio, il mese delle rose e delle gite fuori porta, desideravo ardentemente che arrivasse agosto.

Ecco, ora siamo ad agosto. Ciabattine e pantaloncini. Nuotate al largo, maschera e pinne da fare invidia a chi desidera ardentemente il mare. In realtà, quando poi puoi goderne tutti i giorni, questo piacere perde anche d’importanza. E’ il mese dei mille concerti. Di artisti in gamba che in inverno ci lasciano da soli con la sete della buona musica. È il mese dell’anguria e dell’orzata. Guai a rimanere a casa che se no ti perdi le danze e la vita.

Che poi il periodo caldo di agosto non è ancora arrivato. Non intendo a livello di temperatura: la mia macchina ieri pomeriggio segnava 40 gradi! Voglio dire che ancora ferragosto deve arrivare. Si attende ferragosto manco fosse uno spettacolo pirotecnico colorato e divertente da far bene all’anima. Tutti con il naso in su, per un attimo lontani dai pensieri e dai problemi. Tutti con il naso in su, più vicini alle stelle del firmamento. Ma come tutti i fuochi d’artificio che si rispettino, colorati e in contrasto con il cielo nero, poi però finiscono presto lasciandoti a bocc’asciutta e lamentoso. Ferragosto è solo un attimo di distrazione per allontanarci dai problemi esistenziali, per non porci domande e per non cercare risposte. Così direbbe Pascal. E l’estate finisce, come ogni anno, come ogni incanto. Solo uno spettacolo di finte stelle luminose che per un attimo ci allettano e poi niente più.  Una mezza presa in giro a cui ci piace cascare sempre.

agosto 2013

flogabry

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in amici, buenos aires, estate, gente, mare, mogoro, musica, settembre. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...